Home Home

La Quadreria di Fondazione Aem è composta da opere, che rappresentano una scelta stilistica e di gusto piuttosto omogenea, che l’impresa ha acquisito e commissionato ad artisti nel corso della sua storia.

Il patrimonio è composto da stampe, disegni e dipinti, per la massima parte a olio o a tempera, che coprono un ampio arco di tempo, dalla metà dell’Ottocento sino alla metà del secolo successivo. Al di là di alcune opere “di genere”, fanno parte del patrimonio artistico non solo quadri dedicati a impianti, edifici storici e centrali elettriche di Aem, ma anche raffigurazioni dei grandi invasi montani valtellinesi.

Nel 2001 è stato pubblicato un catalogo, a cura di Rossana Bossaglia, “La Quadreria dell’Aem. Un collezionismo coerente”, Milano, Federico Motta Editore.

Mario Bezzola - Tempera su cartone

LA CASA ROSSA - 1929

Mario Bezzola - Tempera su cartone

Ivan Karpoff -  Olio su tela

NAVIGLIO

Ivan Karpoff - Olio su tela

Giovanni Lentini - Tempera su tela

PRIMAVERA ITALIANA - 1929

Giovanni Lentini - Tempera su tela

Francesco Lojacono - Olio su tela

ACQUEDOTTO ROMANO 1868

Francesco Lojacono - Olio su tela

Alessandro Milesi - Olio su tela

VENTO D’ESTATE - 1927

Alessandro Milesi - Olio su tela

Sandro Porperzij - Acquerello su cartone

PICCOLA LETTRICE

Sandro Porperzij - Acquerello su cartone

Aldo Raimondi -  Acquerello su cartone

SALA MACCHINE DELLA CENTRALE DI PREMADIO 1930

Aldo Raimondi - Acquerello su cartone

Cesare Tallone - Olio su tavola

CAMPAGNA ROMANA

Cesare Tallone - Olio su tavola

Dino Lanaro - Esposto alla Biennale di Venezia 1940 - Tempera su tela

RICEVITRICE NORD AEM

Dino Lanaro - Esposto alla Biennale di Venezia 1940 - Tempera su tela

Inizio